Antonio Caliendo: “Se parte Ibra allora Cassano….”

Sentito telefonicamente da Cristina Tangianu, Antonio Caliendo, in esclusiva per 24oredisport.com esprime il suo punto di vista riguardo i grandi giocatori del nostro campionato. Il procuratore sottolinea che bisognerà rassegnarci “nel vedere partire le figure più importanti del nostro calcio”. L’intervistato spiega quali sono le ragioni che portano i grandi calciatori a lasciare il nostro paese “Siamo ormai arrivati a perdere qualche posto come organizzazione generale nel calcio, prima eravamo avvantaggiati rispetto agli altri anni luce, ora, invece, gli altri si organizziamo meglio e noi siamo costretti a cedere e questa la dice lunga anche sulle coppe”.

Non ha dubbi che il possibile trasferimento di Ibrahimovic al Barcellona possa realizzarsi senza difficoltà “Se lo svedese andrà via dall’Inter l’operazione avverrà con con una grossa contropartita perché il Barcellona ha una certa necessità di cedere Eto’o e l’ Inter non può continuamente dipendere dal carattere e dalle bizze di un Ibrahimovic”. Eto’o, dunque, lascerà la squadra spagnola, ma, secondo Caliendo, non per firmare un contratto con i rossoneri: “Non credo possibile che il camerunese possa andare al Milan”.

A questo punto, se Ibra andasse via da Milano si può anche parlare, secondo Caliendo, di un possibile Cassano all’Inter: “Alla luce del dopo Ibra chissà che non sia Cassano a prendere il suo posto, tutto è possibile, ma io prima di gridare al gol voglio vedere la palla in rete”. E’ da escludere, invece, come dichiara il procuratore, un possibile ritorno di Luca Toni in Italia per vestire la maglia rossonera: ” Toni, per quanto ne sia al corrente, nn è sul mercato”.

In ultima analisi, l’ intervistato si espone anche sulle recenti dichiarazioni dell’ex allenatore bianconero, Claudio Ranieri: “Gli assenti hanno sempre ragione. Il punto, però, è che nella panchina c’ era Ferrara e ha vinto Ferrara. Bisogna, piuttosto, vedere se è cambiato il gioco oppure no, solo li si può capire di chi è il merito. Ranieri ha fatto un grandissimo lavoro alla Juve che, purtroppo, non è riuscito mai a definire: arriva a tre quarti ma gli manca sempre un quarto per mettere la palla in rete”.

Tottomercatoweb.com

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...