Archivi categoria: Calciomercato

Caliendo: “Trezeguet fu vicinissimo al Napoli”

Sulla notizia emersa in questi ultimi giorni che voleva Trezeguet, suo assistito, vicino al Napoli: “Il francese è stato vicinissimo a vestire l’azzurro. Per il gioco che fa il Napoli, David avrebbe fatto benissimo. Ha una media realizzativa costante da 12-13 anni. Sarebbe stato felice di approdare all’ombra del Vesuvio, ma la Juventus si è opposta ad un trasferimento in un altro club italiano”.

tuttomercatoweb.com

Trezeguet, Caliendo: “Potrebbe tornare in Italia, tutto dipende dall’Hercules”

trezeguet hercules 150×150 Trezeguet, Caliendo: Potrebbe tornare in Italia, tutto dipende dallHercules Intervistato da ilsussidiario.net, il procuratore di Trezeguet (in rotta con l’Hercules) Antonio Caliendo ha comentato le indiscrezioni che vorrebbero un ritorno del giocatore in Italia: “Potrebbe tornare in Serie A, ma tutto dipende dall’Hercules. Con gli spagnoli ci sono problemi economici, ma tutto si potrebbe risolvere in una settimana perchè dovrebbe entrare un grosso sponsor che aiuterebbe la società”.

calcionews24.com

Caliendo sul futuro di Maicon, Dunga, Leo e Kakà

Il noto procuratore Antonio Caliendo ha risposto ad alcune domande di mercato ai microfoni di Sky Sport 24.

In Spagna si parla di un inizio di trattativa per il passaggio di Maicon al Real Madrid e di Kakà all’Inter, dopo l’arrivo di Leonardo….
“Io nulla posso dire, ma mi sembra difficile pensare che campioni di questo livello possano essere scambiati a metà corso. Questi di solito sono dei campioni che programmano molto bene i loro trasferimenti. A meno che non si tratti di casi come quello di Ronaldinho, dove in pratica c’è un ritorno a casa”.

Se lo aspettava il ritorno di Leonardo all’Inter? Secondo lei è l’allenatore giusto?
“Io penso di sì, perchè questa nuova generazione dei Guardiola, dei Leonardo, ha dimostrato di avere una sua personalità. Voi sapete che per fare l’allenatore con tanti campioni bisogna avere una grande personalità. Leonardo lo ha già dimostrato nel Milan e penso che lo dimostrerà anche all’Inter”.

E’ da escludere un ritorno di fiamma di Mourinho per Maicon in questa finestra di gennaio?
“Io per principio nel mercato non escludo niente. Anzi tra un po’ di anni si potranno vedere anche contratti semestrali, anzichè quelli pluriennali. Il calcio, infatti, è diventato una materia più rapida. Il pallone corre sempre di più. I campioni hanno un cambio generazionali veloce, velocissimo. Voi avete visto ad esempio l’evoluzione di Kakà: sembrava che il Milan non potesse farne a meno e invece abbiamo visto che il Milan è tornato grande nonostante la sua cessione. Ora Kakà può diventare l’uomo simbolo del mercato. L’arrivo di Leonardo all’Inter potrebbe facilitare le cose”.

Quanto conterà la richiesta di Leonardo?
“Queste sono cose che non posso neanche ipotizzare. Queste sono cose che entreranno a far parte della dialettica tra l’allenatore e il presidente. Magari hanno già parlato in segreto di queste cose, ma sono confidenze tra loro due”.

C’è stato un momento in cui Dunga è stato vicino a diventare l’allenatore dell’Inter dopo la vicenda Benitez? C’è mai stata una chiacchierata?
“No, io so che qualcuno si era informato su questo. Dunga però è stato molto chiaro: quando ha smesso di allenare la Nazionale brasiliana ha detto chiaramente che fino al 31 dicembre sarebbe rimasto fermo, che si sarebbe disintossicato. Ha voluto dedicare tutto questo tempo alla famiglia e adesso infatti è accanto al padre e ai suoi familiari”.

Ma quindi nel momento del sondaggio è stato Dunga a dire di no all’Inter?
“No, no. Io non ho detto questo, perchè eventualmente è difficile dire di no ad una squadra come l’Inter. Tutte le volte che gli ho detto che c’erano delle possibilità o delle probabilità, lui mi ha sempre stoppato. Ha detto: ‘Mi dispiace, fino all’anno nuovo io non parlo di niente, devo concentrarmi perchè devo cambiare la mia carriera. Devo affrontare questa seconda carriera e voglio affrontarla nel migliore dei modi. Ho anche in animo di andare qualche mese in Italia a fare il corso di Coverciano, come lo ha fatto Leonardo'”.

Possiamo dire quindi che la sua seconda vita da allenatore ricomincerà dall’Italia?
“Posso dire una cosa con certezza: lui aveva avuto molte richieste da squadre brasiliane e ha detto la stessa cosa. Ha sfiorato il San Paolo e qualche altra squadra importante del Brasile, ma ha detto di no. Penso che presto sicuramente ritroveremo Dunga in qualche squadra importante. E’ una persona molto decisa nelle sue cose, non si fa condizionare dall’ambiente e da nessuno”.

Quale sarà secondo lei il colpo di gennaio? Veramente Kakà all’Inter?
“Io avevo optato per Cassano, rilevando che sarebbe andato in Lombardia. E questo si è verificato. Adesso non saprei. Possibilità ce ne possono essere”.

tuttomercatoweb.com

Chi vive di calciomercato assicura: “A gennaio niente grandi nomi, tranne Cassano. Il suo futuro è in Lombardia…”

Antonio Caliendo è un procuratore alla vecchia maniera. Dall’alto della sua enorme esperienza, è ben conscio di quello che lo attende nei prossimi giorni, ovvero alla riapertura del calciomercato: “Non penso che ci saranno grandi colpi -spiega, in Esclusiva, a Goal.com- Solitamente i grandi nomi si muovono a giugno”. Eppure le grandi squadre sono già in azione per mettere a segno qualche acquisto importante: “Ma, io credo che si possa intervenire per aggiustare qualcosa, per aggiungere qualche tassello ma penso sia difficile fare il super acquisto”.

Non fa eccezioni neppure la Juventus: “Si stanno muovendo bene, sanno cosa fare e come farlo ma, ripeto, in giro non vedo grossi nomi pronti a cambiare a gennaio”. Eppure tutto il mondo mediatico che ruota attorno al calcio è in fibrillazione, in particolare per il futuro di Antonio Cassano: “Ecco, lui è l’eccezione. E’ l’unico grande nome in ballo, diciamo che si tratta del campione in vendita più prestigioso”. Antonio Caliendo ha anche un’idea su dove potrebbe finire l’ex stella della Sampdoria: “A mio giudizio credo che si trasferirà in Lombardia”.

Parlando di milanese, normale che si focalizzi l’attenzione anche su Maicon, assistito proprio di Antonio Caliendo: “La situazione dell’Inter è legata al risultato del Mondiale per Club. Dopo la fine di questo evento si avranno idee più chiare di quali saranno i nuovi progetti della società e, di conseguenza, si capirà anche meglio il futuro di alcuni suoi giocatori. Dipenderà molto dall’esito del Mondiale per Club”.

Dopo tanti anni in prima linea, Antonio Caliendo non si sorprende più davanti a nulla e sa come rispondere alle domande più delicate, come quella relativa ad una nuova possibile offensiva del Real Madrid proprio per Maicon: “Penso che l’Inter sia concentrata solo sul Mondiale per Club. Il resto verrà dopo, quando si saprà come sarà andato il torneo”. Non c’è che aspettare quindi…

goal.com

Caliendo sul Napoli: ‘Mercato, niente di eclatante’

Il mercato del Napoli passa anche dalla qualificazione in Europa: se gli azzurri approderanno ai sedicesimi di finale, allora ci sarà bisogno di nuove forze. ‘Stimo molto Bigon e non ha bisogno di consigli – ha affermato l’agente Antonio Caliendo ai microfoni di Arena Azzurra, su Radio Quinta Rete -. Ho molto rispetto per il direttore, che sta dimostrando di avere conoscenze importanti. Posso sicuramente parlare del mercato in generale: a gennaio non credo ci saranno trasferimenti eclatanti, si sta preparando tutto per giugno. In inverno si potrebbe sfruttare occasioni di giocatori che litigano con le società, come nel caso di Cassano: difficile che i grandi giocatori cambino in corso d’opera. Solo con i sudamericani il discorso è diverso. Già all’inizio della stagione dissi che il Napoli per essere completo avrebbe bisogno di due-tre innesti importanti”.

Tra gli atleti accostati al Napoli in estate c’è proprio uno degli assistiti di Caliendo, ovvero David Trezeguet. ‘Si sta impegnando per salvare l’Hercules e sta dando molto – spiega l’agente -. E’ felice e di conseguenza ha un altissimo rendimento. Se si facesse viva una squadra italiana? Bisognerà vedere esattamente come si sentirà di testa. E’ arrivato anche ad un’età matura che gli permette di poter calibrare bene quelle che possono essere le sue idee, non è più un ragazzo ma ha la vitalità di un giovanissimo. In Spagna ha iniziato la sua seconda gioventù, gli vedo fare cose che non faceva da tempo’.

calciomercato.com

Caliendo: “Trezeguet all’Inter? No, resta all’Hercules”

«Trezeguet non si muove dall’Hercules». L’agente dell’attaccante francese, Antonio Caliendo, mette la parola fine alle voci di contatti fra il calciatore ex Juve e l’Inter. «David sta bene in Spagna: la salvezza con loro equivale per lui alla conquista di uno scudetto», ha detto il procuratore a Sky Sport 24. «In Italia si parla di mercato 12 mesi all’anno e i rumors a volte si trasformano in notizie vere. Non posso escludere che David sia oggetto di desiderio di qualche club, detto questo io parlo con l’Inter ogni giorno: ma non posso mettere in piazza, per ovvi motivi, i contenuti degli incontri con la società nerazzurra».

tuttosport.com

Agente di Trezeguet: Lui all’Inter? C’è un ottimo rapporto

Il futuro di David Trezeguet potrebbe essere ancora in Italia. Ad aprire alla possibilità di un ritorno dell’ex bomber della Juve – attualmente in forza all’Hercules Alicante – nel Belpaese è stato il suo procuratore, Antonio Caliendo: «Ultimamente si sta instaurando un bel rapporto con l’Inter, e non è escluso che se ne possa riparlare nei prossimi giorni», ha detto a calciomercatonews.com. «Bisogna però essere cauti perchè in casa inter è un momento delicato quindi non si possono fare previsioni».

tuttosport.com